La Rivista Italiana delle Malattie Rare

News 2020

Covid-19: il vademecum del Comitato scientifico di AIAF sulle terapie

28/04/2020

Covid-19: il vademecum del Comitato scientifico di AIAF sulle terapie

Il Comitato Scientifico di AIAF Associazione Italiana Anderson-Fabry Onlus, composto da Dott. Federico Pieruzzi, Dott. Renzo Mignani, Prof.ssa Amelia Morrone, Prof. Giancarlo Parenti, Dott. Maurizio Pieroni, Dott.ssa Ilaria Romani, Prof. Maurizio Scarpa, Dott.ssa Ilaria Tanini, ha emesso il “Vademecum per i Pazienti con Malattia di Anderson-Fabry per la gestione dell’emergenza COVID-19” dove si affronta il tema della terapia.

“Tra il rischio reale di sospendere, anche se per brevi periodi, una terapia dimostratasi efficace nel prevenire lo sviluppo di danni acuti e cronici legati alla malattia di Fabry, e quello ipotetico di contrarre un’infezione potenzialmente dannosa per la salute del paziente, questo Comitato suggerisce fortemente di continuare la terapia enzimatica sostitutiva, utilizzando tutti i presidi e le precauzioni necessarie alla prevenzione e contenimento del contagio. Da notare che non esistono dati in letteratura che abbiano valutato gli effetti della sospensione prolungata della ERT, ma sono sati pubblicati gli effetti negativi dal punto di vista clinico conseguenti alla mancanza di algasidasi beta nel periodo 2009-2011”.

A questo link è possibile consultare il documento integrale comprensivo di indicazioni per specifiche situazioni.


 

News

21/12/2021

Sindrome di Cornelia de Lange: nuova luce sui processi molecolari

Un team di studiosi dell’Istituto di ricerca genetica e biomedica del Cnr ha descritto il ruolo chiave del gene c-MYC in un gruppo di pazienti...

20/12/2021

Distrofia miotonica: un passo avanti verso la terapia genica

Una strategia capace di correggere il difetto genetico della distrofia miotonica di tipo 1 è stata messa a punto in uno studio preclinico...

17/12/2021

Distrofie muscolari dei cingoli: nuovo modello animale per lo studio della malattia

Una piccola molecola individuata per il trattamento della fibrosi cistica potrebbe essere utile anche per le sarcoglicanopatie, malattie genetiche...

×
Immagine Popup