La Rivista Italiana delle Malattie Rare

News 2018

Italia quarta in Europa per accesso ai farmaci per le malattie rare

05/11/2018

Italia quarta in Europa per accesso ai farmaci per le malattie rare

Secondo i risultati di uno studio pubblicato su Value in Health il nostro paese risulta tra i primi in Europa per numero di medicinali disponibili per il trattamento delle malattie rare, ma deve ancora migliorare i tempi tra l’approvazione e la reale disponibilità sul mercato. È stato valutato l'accesso dei pazienti ai farmaci autorizzati per le malattie rare in 22 nazioni europee: dal 2005 al 2014 sono stati autorizzati per le malattie rare 125 farmaci: di questi, 13 sono stati esclusi dallo studio perché non correttamente identificabili. I risultati della ricerca mostrano che di questi 112 farmaci un numero compreso tra 70 (pari al 63%) e 102 (91%) era disponibile in Germania, nel Regno Unito, in Italia, in Francia e nei Paesi scandinavi. Queste anche le nazioni più veloci a consentirne l'uso continuativo (da 3 a 9 mesi) ad eccezione dell'Italia, che, sebbene risulti al quarto posto come numero di farmaci disponibili (84, di cui 48 orfani e 36 non orfani), impiega ben 15 mesi di tempo per farli arrivare sul mercato. In questo ambito, le situazioni peggiori sono quelle di Grecia, Irlanda, Bulgaria, Romania e Croazia, dove nel periodo in esame erano disponibili solo dal 27% al 38% dei medicinali autorizzati, con un tempo impiegato per iniziarne l'uso continuativo da 1 a 2,6 anni.


 

News

16/11/2023

Anemia di Fanconi: scoperta la "firma molecolare"

Una conferma diagnostica più semplice, rapida ed efficace per l'anemia di Fanconi (FA), una malattia genetica rara spesso associata a grave insufficienza della...

02/11/2023

Oneri per la cura delle malattie rare e loro impatto economico per i cittadini europei: il rapporto di Chiesi Global Rare Diseases

La ricerca analizza l'onere economico di 23 malattie rare in cinque aree terapeutiche in tre Stati membri dell'Unione europea. Il rapporto sarà presentato nel corso di un panel al World Orphan Drug Congress di Barcellona

25/10/2023

Emapalumab, farmaco salvavita per la sindrome da attivazione macrofagica

Complicanza grave di alcune malattie reumatiche, la sindrome da attivazione macrofagica può risultare letale fino al 30% dei casi. Grazie ad uno studio internazionale coordinato dal Bambino Gesù di Roma oggi sappiamo che è possibile curarla

×
Immagine Popup